fiscalisti - esperti IVA

fiscalisti - esperti IVA

Quick fixes 2020 : Condizioni d'esenzione IVA per le cessioni intracomunitarie

La normativa Quick Fixes 2020 rappresentano un cambiamento significativo nelle norme che regolano le vendite B2B intracomunitarie tra imprese, ridefinendo i criteri per l’esenzione dall’IVA sulle forniture intracomunitarie. Questi adeguamenti legislativi sono stati specificamente concepiti per semplificare le transazioni transfrontaliere tra le imprese dell’Unione Europea, rafforzando al contempo le misure di contrasto alle frodi IVA.

 

L’attuazione della normativa Quick Fixes 2020 non è solo un adeguamento normativo, ma è essenziale per garantire che le aziende, i trasportatori e gli operatori del trasporto merci possano beneficiare appieno dei vantaggi dell’armonizzazione fiscale, rispettando scrupolosamente i nuovi standard.

Tabella dei Contenuti

Comprensione della normativa Quick Fixes IVA 2020

La Quick fixes sono norme attuate per semplificare e rafforzare le condizioni di esenzione delle consegne intracomunitarie.

Definizione della normativa Quick Fixes

La “Quick Fixes IVA 2020” sono una serie di misure adottate dall’Unione Europea per semplificare le transazioni intracomunitarie e combattere le frodi sull’IVA. Queste disposizioni, introdotte a partire dal 1° gennaio 2020, sono state concepite per armonizzare e semplificare alcune norme sull’IVA per le aziende che vendono beni tra diversi Stati membri dell’ Unione europea. L’iniziativa fa parte di un più ampio sforzo dell’UE per modernizzare il sistema dell’IVA e incoraggiare una più stretta cooperazione fiscale tra gli Stati membri.

Le misure introdotte per l'esenzione delle consegne intracomunitarie di beni

La Direttiva 2018/1910 dell’Unione Europea ha messo in evidenza tre aree principali per ottimizzare e chiarire le operazioni IVA intracomunitarie. In primo luogo, ha sottolineato la necessità di aumentare l’importanza del numero di identificazione IVA nel contesto delle spedizioni. tra Stati membri. In secondo luogo, ha cercato di definire con maggiore chiarezza le regole che disciplinano le vendite « a catena ». Infine, un terzo punto focale è la semplificazione delle procedure relative agli stock detenuti in base a contratti di custodia. In questo contesto, l’articolo esplora il modo in cui questi miglioramenti sono stati articolati e attuati attraverso la Quick Fixes IVA 2020.

Le condizioni per l'esenzione dall'IVA sulle cessioni di beni intracomunitari fornite dalla Quick Fixes 2020

La Quick fixes sono norme attuate per semplificare e rafforzare le condizioni di esenzione delle consegne intracomunitarie.

Questi tre criteri devono essere rispettati affinché la fatturazione sia esente da IVA.

Verificare la validità del numero di partita IVA dell'acquirente.

Dall’1° Dal 1° gennaio 2020, l’obbligo per l’acquirente di disporre d’un numero di partita IVA valido nel paese di destinazione della merce, inserito nel Database VIES (“VAT Information Exchange System”) è diventato essenziale se si vuole che i fornitori possano beneficiare di L’esenzione dall’IVA per le consegne intracomunitarie.

 

È indispensabile che questo numero sia non solo valido ma anche attivo al momento esatto della consegna; una registrazione in corso non è accettata come prova.

Quali sono i rischi se il numero di partita IVA dell'acquirente non è valido?

In caso di inadempienza, cioè se il numero di partita IVA dell’acquirente non è valido al momento della transazione, il fornitore è tenuto ad applicare alla fattura l’IVA dello Stato membro di origine.. La scelta di non applicare l’IVA espone il venditore al rischio di essere rivalutato in caso di verifica fiscale: oltre alle sanzioni, l’importo della vostra fattura al di fuori dell’IVA sarà considerato dalle autorità fiscali come comprensivo dell’IVA, il che significa che perderete l’equivalente del 20% dell’IVA sul vostro fatturato.

 

In più, l’applicazione dell’IVA su una fattura relativa a una cessione intracomunitaria pone l’acquirente in una posizione delicata, privandolo della possibilità di recuperare l’IVA fatturata e sottoponendolo al rischio di sanzioni pecuniarie nello Stato membro di destinazione, se non rimedia rapidamente alla sua situazione.

Per evitare queste complicazioni e garantire una collaborazione sicura e regolamentata, è quindi necessario integrare una verifica sistematica dei numeri di partita IVA dei vostri clienti nei vostri processi aziendali, utilizzando la piattaforma VIES per questa verifica la nostra verifica dei numeri di partita IVA. Rendetela una fase non negoziabile della vostra procedura di fatturazione per garantire la conformità e la tranquillità di tutte le vostre transazioni commerciali intracomunitarie.

Come posso controllare il mio numero di partita IVA intracomunitaria? Verificatelo con il nostro strumento!

Le numéro de TVA intracommunautaire est ValideInvalide

Validation du numéro de TVA par le VIES :
Etat membre :
Numéro de TVA :
Nom de l'entreprise :
Adresse :

Controlli da effettuare prima di fatturare ai clienti B2B intra-UE senza IVA

Quick fixes IVA : Rafforzamento delle prove di trasporto

Nell’ambito del progetto “Quick Fixes IVA 2020”, è stata prestata particolare attenzione alleprove di trasporto di merci intracomunitarie. Si tratta di una delle condizioni obbligatorie da soddisfare per autorizzare l’esenzione IVA per le operazioni transfrontaliere. A questo proposito, il legislatore europeo ha optato per un rafforzamento degli obblighi relativi alla prova del trasporto per certificare che la transazione intracomunitaria sia effettivamente avvenuta.

Le prove di trasporto se il fornitore organizza il trasporto

In questa situazione, il fornitore è tenuto a fornire almeno due prove di trasporto non contraddittorie provenienti da due categorie distinte di documenti.

 

Il venditore può fornire due documenti dal seguente elenco:

Se il fornitore non riesce a fornire due prove dall’elenco di cui sopra, deve fornire 1 documento dall’elenco precedente e un documento dall’elenco successivo:

Prove di trasporto se l'acquirente organizza il trasporto

Quando l’acquirente è responsabile dell’organizzazione del trasporto, deve inviare al suo fornitore copia di due prove di trasporto, alle stesse condizioni di quando il venditore è responsabile del trasporto (vedi sopra). Oltre a queste due prove, l’acquirente deve presentare una conferma scritta del ricevimento della merce e inviarla al proprio fornitore entro il 10° giorno del mese successivo alla transazione. Questo documento deve indicare chiaramente che la merce è stata trasportata dall’acquirente stesso, o da un intermediario che agisce per suo conto, specificando in particolare:

L’assenza di queste prove, dovuta a omissione, ritardo o qualsiasi altro ostacolo, ha implicazioni fiscali direttein assenza di questi documenti di trasporto, in questo caso si esclude la possibilità di fatturare senza IVA. In questo scenario, il fornitore è tenuto a applicare l’IVA all’aliquota in vigore nel paese di spedizione della merce.

Stipulazione della dichiarazione dei dati fiscali: Prospetto ricapitolativo dell'IVA (ERTVA) o Elenco vendite CE

Ogni mese i fornitori sono tenuti a redigere una dichiarazione fiscale per le consegne intracomunitarie: si tratta della cosiddetta Dichiarazione Ricapitolativa IVA in Francia, o dell’Elenco Vendite CE nel resto d’Europa.

 

Questa dichiarazione viene utilizzata per elencare le cessioni intracomunitarie effettuate da un fornitore ad acquirenti di altri Stati membri dell’UE, con un importante scopo fiscale: fornire alle autorità europee i numeri di partita IVA necessari per l’autovalutazione dell’IVA su queste transazioni.

 

Con l’introduzione del sistema Quick Fixes nel 2020 , questi regolamenti si sono evoluti e hanno intensificato le condizioni per l’esenzione delle forniture intracomunitarie. È ora obbligatorio per i fornitori dichiarare un’operazione nell’elenco riepilogativo dell’IVA se vogliono richiedere l’esenzione dall’IVA: se non dichiarano le loro cessioni intracomunitarie nell’elenco riepilogativo dell’IVA, non hanno semplicemente il diritto di fatturare senza l’IVA.

 

Se il fornitore non presenta questa dichiarazione d’imposta per un determinato mese, rischia di essere soggetto ad una rivalutazione fiscale in caso di controllo. Tuttavia, la direttiva offre un certo grado di flessibilità: se il fornitore dichiara la transazione nell’elenco riepilogativo dell’IVA per il periodo successivo, l’esenzione rimane valida.

La lista di controllo della Quick Fixes da rispettare per l'esenzione delle forniture intracomunitarie

Non dimenticate di inserire tutte le informazioni obbligatorie nelle fatture di vendita per giustificare la fatturazione senza IVA.

Le regole definite dalla Quick Fixes 2020 per le scorte in deposito o in conto deposito

Dopo l’introduzione della Quick Fixes, la gestione dell’ IVA intracomunitaria sulle spedizioni e sulle scorte di deposito è stata notevolmente migliorata per semplificare e armonizzare le transazioni all’interno dell’UE. Prima di queste modifiche, questo tipo di trasferimento di merci imponeva al fornitore una partita IVA nel paese di stoccaggio (Stato membro dell’acquirente). Ma con l’introduzione del sistema Quick Fixes c’è stato un notevole allentamento:

Informazioni importanti

Se la merce viene immagazzinata per più di 12 mesi presso il cliente, il fornitore diventa responsabile degli obblighi fiscali e di dichiarazione nel paese di immagazzinamento.

Cambiamenti apportati dalla Quicks Fixes IVA sulle vendite a catena

Definizione di vendite a catena

Le vendite a catena riguardano transazioni commerciali che coinvolgono almeno tre società stabilite in diversi Stati membri e in cui avviene un’unica consegna intracomunitaria di beni: comportano diversi flussi finanziari ma un unico flusso fisico.. In altre parole, la merce viene consegnata direttamente dal venditore originale o da un intermediario al cliente finale, senza passare attraverso i vari attori della transazione.

Nel caso delle vendite triangolari, ad esempio, sebbene i beni siano fisicamente consegnati una sola volta (dal fornitore A al cliente C), si verificano due trasferimenti legali di proprietà: il primo tra A e l’acquirente/venditore B e il secondo tra B e C.

È essenziale comprendere le vendite a catena in quanto presentano particolari problemi in materia d’IVA, in particolare per quanto riguarda l’identificazione della transazione esente dall’IVA come “cessione intracomunitaria”. Le norme che regolano le vendite a catena sono state elaborate per garantire che l’ IVA venga applicata correttamente in ogni fase della catena, evitando sia la doppia imposizione che la non imposizione.

Il contributo della normativa Quick Fixes 2020 alle vendite della catena

La regola stabilita dalla Quick fixes è la seguente: solo una vendita può essere esente dall’IVA e considerata una cessione intracomunitaria (ICS); la cessione intracomunitaria è attribuita al fornitore che organizza il trasporto. Tutte le altre vendite sono vendite locali.

Facciamo un esempio per spiegare la regola: una transazione a catena viene effettuata con 4 aziende.

Se il fornitore francese (A) organizza il trasporto :

È la cessione tra A e B ad essere considerata una cessione intracomunitaria e quindi esente dall’IVA. Le altre transazioni sono considerate vendite locali nel Paese di destinazione. Le società intermedie B e C devono quindi Registrarsi in Germania.

Se il cliente finale D organizza il trasporto:

È la cessione tra C e D a essere considerata una cessione intracomunitaria e quindi esente da IVA. B e C devono registrarsi ai fini dell’IVA in Francia.

Concentratevi sulla vostra espansione internazionale, noi gestiamo l'IVA

Semplificate la gestione dell’IVA in Europa con l’esperienza dei nostri specialisti fiscali. Prendete un appuntamento oggi stesso per assicurarvi il vostro sviluppo internazionale.

Scopri tutte le nostre risorse per uno sviluppo internazionale di successo
Tutte le nostre guide sull'IVA
Tutti i nostri servizi IVA
Creazione e gestione aziendale

Probabilmente lo studio più esperto nel commercio internazionale e nell’e-commerce

I nostri ultimi articoli sull'IVA
Quick fixes 2020 : Condizioni di esenzione dall’IVA per i LIC

Quick fixes 2020 : Condizioni d’esenzione IVA per le cessioni intracomunitarie La normativa Quick Fixes 2020 rappresentano un cambiamento significativo nelle norme che regolano le vendite B2B intracomunitarie tra imprese, ridefinendo i criteri per l’esenzione dall’IVA sulle forniture intracomunitarie. Questi adeguamenti legislativi

Lire la suite »