fiscalisti - esperti IVA
fiscalisti - esperti IVA

Come fatturare per l'esportazione nell'E-commerce

Il mondo dell’e-commerce offre ai commercianti l’opportunità di vendere i propri prodotti a clienti di tutto il mondo. Se siete un commerciante elettronico, probabilmente avete già preso in considerazione la possibilità di vendere al di fuori dell’Unione Europea, ma avete considerato le specifiche regole di fatturazione che si applicano in questo caso? Le vendite al di fuori dell’UE non sono più considerate come spedizioni ma come esportazioni, il che significa che ad esse si applicano regole di fatturazione diverse rispetto alle vendite all’interno dell’UE. Vediamo come fatturare le esportazioni di e-commerce.

 

Indice dei contenuti

Cosa si intende per esportazione?

Un’esportazione è la spedizione di beni in un Paese al di fuori dell’Unione Europea. Le cessioni di beni spediti o trasportati al di fuori dell’Unione Europea da o per conto del venditore sono esenti dall’IVA.

Esempio: un’azienda francese spedisce merci in Svizzera, questa operazione è considerata un’esportazione.

Quali sono le differenze tra esportazione e spedizione?

È essenziale distinguere tra esportazione e consegna intracomunitaria. La prima comporta una spedizione verso un Paese terzo. Nel secondo caso, la merce è destinata ad un Paese dell’Unione Europea. Per maggiori informazioni sulle consegne intracomunitarie, consultate la nostra pagina sull’argomento.

Per emettere una fattura esente da IVA, è necessario fornire la prova che la merce ha lasciato il territorio dell’Unione Europea. La prova può assumere diverse forme. Ecco un elenco non esaustivo dei documenti giustificativi più comunemente utilizzati:

Come si fatturano le esportazioni nella vendita a distanza?

Le norme IVA per le vendite a distanza si applicano solo ai beni venduti da una società imponibile stabilita nell’Unione Europea ad un privato situato in un altro Stato membro. Se la transazione comporta un’esportazione, le regole applicabili alle vendite a distanza non sono più rilevanti.

 

Esempio: un sito di e-commerce che vende beni ai privati o ad una società con sede negli Stati Uniti fattura senza applicare l’IVA. Tuttavia, è importante assicurarsi che la merce sia effettivamente spedita negli Stati Uniti. Conservate la prova dell’esportazione e menzionate l’esenzione IVA sulla fattura di vendita: articolo 262-1 del Codice generale delle imposte.

Alcuni Paesi hanno requisiti particolari, per cui si consiglia di includere il maggior numero di informazioni possibili nelle fatture:

 

Fatturazione per l'esportazione

È importante sapere che l’acquirente potrebbe dover pagare i dazi doganali e altri costi associati all’importazione della merce nel proprio Paese. A seconda del tipo di merce e del Paese di esportazione, le tasse inerenti al Paese dell’acquirente saranno richieste al momento della consegna della merce. Per conoscere i dazi doganali sui vostri prodotti nel Paese di destinazione, dovete contattare il dipartimento doganale del Paese interessato.

Eurofiscalis è uno studio fiscale specializzato in tutte le questioni fiscali e doganali relative all’IVA internazionale. Se avete domande sui nostri servizi, contattate i nostri specialisti utilizzando il modulo di contatto.



Rappresentante fiscale per aziende internazionali dinamiche

Eurofiscalis si occupa delle questioni fiscali per l’esportazione. Siamo specializzati nel commercio internazionale

Scopri tutte le nostre risorse per uno sviluppo internazionale di successo
Tutte le nostre guide sull'IVA
Tutti i nostri servizi IVA
Creazione e gestione aziendale

Probabilmente lo studio più esperto nel commercio internazionale e nell’e-commerce

I nostri ultimi articoli sull'IVA
Soglie Intrastat UE

Aggiornamento Intrastat 2024 Le soglie Intrastat 2024 Il commercio intracomunitario, cioè il commercio tra i Paesi membri dell’Unione Europea, è soggetto a una dichiarazione statistica nota come INTRASTAT. Questa dichiarazione consente alle autorità europee di

Lire la suite »